TORNA AL SITO
Per usufruire di tutte le funzionalità del portale aggiorna Internet Explorer alla versione 9.0 o successive oppure scarica Mozilla Firefox o Google Chrome.
Immagina,Scopri Immagina Immagina,Scopri Scopri

A tavola con sapori semplici e giuste combinazioni alimentari.

Abbiamo intervistato Grazia Colturi, chef del Rifugio Forni per farci dare dei suggerimenti sulla preparazione di alcuni piatti tipici della Valtellina…

Rendere salutari i piatti della nostra tradizione sembra facile e scontato, ma non lo è: materie prime di qualità, pochi grassi e metodi di cottura poco invasivi sono indispensabili. Cucina tradizionale e cucina salutare possono andare d’accordo. Nessun ingrediente va demonizzato e faccio l’esempio del burro, perché usato con parsimonia è molto meglio di tanti grassi vegetali magari idrogenati. Per esempio, la  cucina  valtellinese è tradizionalmente molto calorica perché nata nella storia, per soddisfare le esigenze delle popolazioni contadine che lavoravano pesantemente e in condizioni climatiche difficili. Oggi, facendo attenzione, è possibile riproporre la genuinità di queste pietanze.

Ma veniamo ai consigli…

Nella preparazione dei cibi anche il tipo di cottura è un fattore determinante.
Il modo di cuocere i cibi farà aumentare o diminuire i sapori e conserverà o meno i principi nutritivi degli alimenti.

Piccoli accorgimenti ai fornelli aiuteranno a far agire meglio anche i prodotti che avete scelto per una cucina salutare:

  • Carne e pesce: alla griglia, ai ferri, lessati, al cartoccio, al vapore, crudi conditi con limone e spezie
  • Verdura meglio se di stagione, biologica e a chilometri zero: al forno, alla griglia, ai ferri, lessata, al vapore o cruda (con un filo di olio di oliva, aceto e spezie)
  • Uova: alla coque, in camicia o sode
  • Pasta, riso e altri cereali (lenticchie, farro, kamut, soia, orzo, avena …): lessati in acqua, ottimi con l’aggiunta di verdure di stagione
  • Frutta: sperimentate macedonie con limone e spezie per esempio due mele a fettine spruzzate con limone e cosparse di polvere di cannella. Sarebbe meglio non cuocere la frutta affinché non perda le sue vitamine, ma ogni tanto provate a lessarla o cuocerla al forno la frutta (per esempio pesche al forno).
Rifugi coinvolti nell'attività
Ghiacciaio dei Forni

Rifugio Ghiacciaio dei Forni

Località: Valfurva 
Valfurva Quota 2200mt
Ghiacciaio dei Forni Valfurva 2200mt Ghiacciaio dei Forni

I rifugi di Lombardia ti propongono:

Rifugi del gusto
Le Manfrigole di Alda
Rifugi del gusto
Strudel di Mele, una delizia per il palato
Rifugi del gusto
Corteno Golgi
Il Cuz: piatto tipico di Corteno Golgi
Rifugi del gusto
Cinghiale al Cioccolato? Si avete capito bene