Rifugio Sora Casari a Barzio Lecco | Rifugi di Lombardia TORNA AL SITO
Per usufruire di tutte le funzionalità del portale aggiorna Internet Explorer alla versione 9.0 o successive oppure scarica Mozilla Firefox o Google Chrome.
Immagina,Scopri Immagina Immagina,Scopri Scopri
Mt. 1685

Rifugio Sora Casari

Da Barzio, nei pressi del piazzale della funivia che porta ai Piani di Bobbio (aperta da Dicembre a Maggio, in estate tutti i week end), parte una carrareccia che, con una lunga serie di tornanti, risale i circa 850 metri di dislivello che portano  al Rifugio Sora Casari (1.700 slm, circa 2h30’ dal piazzale), molto adatta anche ai MT Bikers.
Da Valtorta conviene portare l’auto fino alle baite di Ceresola  (1.330 slm) quindi, risalendo lungo le piste di sci, in meno di un’ora si giunge al Sora Casari.
Il Rifugio Sora Casari è molto , frequentato d’inverno,  grazie al facile accesso rappresentato dalla funivia che sale da Barzio e dai circa 30 Km di piste servite da impianti di risalita.
Una bella pista di fondo,  completa le possibilità di sport invernali.
Per l’estate,  il Rifugio Sora Casari rappresenta un buon punto di partenza,  sia per arrampicare,  sia per interessanti escursioni.
A circa 20’ c’è una bella palestra di roccia (vie dal 3° al 6°) e a circa 30’ dal rifugio c’è l’attacco della ferrata Pesciola (ex Rebuzzini, ben attrezzata, ma impegnativa); dalla vetta si può proseguire, con altra ferrata,  fino allo Zuccone Campelli,  dal quale si ritorna al rifugio per la Valle dei Camosci.
Un interessante percorso ad anello,  che può essere effettuato in una giornata,  è il periplo dello Zuccone Campelli,  passando dai Piani di Artavaggio.
Servizi
Posti Letto: 25 Posti Pranzo: 130 Posti Tavola Esterni: 20 Apertura Su Richiesta
  • Auto Privata
  • Accesso Disabili
  • Copertura GSM
  • Acqua Calda
  • Doccia