Il bramito dei cervi con Dario Bonzi | Rifugi di Lombardia TORNA AL SITO
Per usufruire di tutte le funzionalità del portale aggiorna Internet Explorer alla versione 9.0 o successive oppure scarica Mozilla Firefox o Google Chrome.
Trekking

Alla scoperta del bramito dei cervi con Dario Bonzi

  • Durata complessiva: 2:00

Un canto d’amore inconfondibile, nel silenzio che solo la montagna sa ospitare.
Stiamo parlando del bramito dei cervi, un canto che rende ancora più magico l’autunno.
Scopriamo insieme al nostro fotografo ufficiale Dario Bonzi qualche consiglio e un itinerario per poter assistere a questo spettacolo della natura.
A fine estate le giornate tendono ad accorciarsi, le montagne cominciano a cambiare colore e spesso le giornate si ingrigiscono, tuttavia molti escursionisti e fotografi in questo periodo frequentano le montagne lombarde per vedere i colori dell’autunno.
Non di rado in questo periodo nelle vallate riecheggiano i maestosi bramiti dei cervi in amore.
Si tratta di uno spettacolo davvero emozionante, al quale però dobbiamo assistere nel pieno rispetto della natura selvaggia, arrecando il minor disturbo alla fauna.
Verso fine settembre i cervi maschi iniziano infatti i loro riti di corteggiamento verso le femmine e dopo aver conquistato i branchi,  i maschi comunicano ai rivali la loro posizione e il loro rango, cercando così  di predominare attraverso i loro versi e a volta addirittura con lo scontro fisico.
Più forte è il bramito più si dimostra la propria potenza e si comunica agli altri maschi di stare alla larga.
Attenzione però, in questo periodo questi animali sono molto vulnerabili, pertanto non bisogna per nessun motivo cercare di avvicinarsi agli animali, rimanendo in silenzio ad ammirare da lontano questo rituale.
Un itinerario che mi piacerebbe proporre è quello della Valle delle Messi a Ponte di Legno in provincia di Brescia.
Si parte dalla località di Santa Appollonia dove è possibile iniziare l’escursione su un comodo sentiero che si addentra nel bellissimo lariceto dai colori autunnali costeggiando il torrente, scoprendo così anche il foliage.
Alzandosi di quota il bosco lascia spazio alle praterie d’alta quota e in circa due ore di cammino si raggiunge il Rifugio Valmalza [aperto nei weekend di ottobre], dove è possibile assaporare molte specialità locali.
Una volta giunti in questa bella vallata bisogna armarsi di pazienza e ascoltare la natura in totale silenzio.
Forse sarete fortunati e potrete godere del canto d’amore più emozionante dell’autunno. Il bramito dei cervi.

Dario Bonzi – Fotografo Naturalista
http://www.terrefredde.it/

Immagini
Inizia l’avventura Informazioni utili per affrontare l’escursione proposta

Ti potrebbe interessare…

Ecco altri itinerari vicini a quello scelto