Sasso Gordona: tra trincee e panorami | Rifugi di Lombardia TORNA AL SITO
Per usufruire di tutte le funzionalità del portale aggiorna Internet Explorer alla versione 9.0 o successive oppure scarica Mozilla Firefox o Google Chrome.
Trekking

Tra trincee e panorami a confine con la Svizzera: Sasso Gordona

  • Durata complessiva: 2:40
  • Difficoltà: Escursionistico EE

Il Sasso Gordona chiude a Sud la Valle d’Intelvi offre uno stupendo panorama a 360° e permette di visitare alcuni ruderi di postazioni militari installate lungo la Linea Cadorna.

Si accede da Como proseguendo fino ad Argegno. Arrivati in paese si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per San Fedele d’Intelvi e Lanzo. Superato Erbonne e Casasco si entra in una stretta stradina che porta a Pian dell’Alpe punto di sosta.

Lasciata l’auto in corrispondenza del ristorante si prosegue a piedi per 30′ sino alla fine della strada. Ora si sale un pascolo verso Est. Il sentiero prosegue lungo il bosco (seguire la segnaletica sugli alberi) lungo il confine italo-svizzero. Arrivati ad un cippo di confine, molto evidente, si prosegue tenendo al sinistra e imboccando la traccia che permette di raggiungere Pian dell’Alpe e il rifugio Prabello. (50min dall’auto).

Ora si oltrepassa il rifugio e si prosegue per la spalla Ovest dell’evidente Sasso Gordona. Superate alcune baite il tracciato si fa più impegnativo in salita, fino ad una sporgenza rocciosa che si supera facendo attenzione. Si può superare il salto roccioso aiutandosi con le mani oppure con una catena.
Superato il balzo si scorgono le prime gallerie della Grande Guerra e la trincea che evitiamo per riprendere la traccia che segue una linea a zig-zag.

Da qui, con neve o stagione autunnale, bisogna assolutamente portare i ramponi, in estate e primavera bisogna fare attenzione perché occorre superare una seconda spalla attrezzata con catene. Superato il breve tratto più impegnativo si guadagna il filo di cresta che porta verso la vetta dove si erge una croce.

Discesa:

Dalla vetta si prosegue ancora verso Est, aiutandosi con delle catene. Si tratta di un breve tratto di cresta non difficile che porta ad un promontorio roccioso. Si segue ora una trincea, entrando nello scavo, fino a raggiungere una mulattiera che proviene dal Monte Bisbino. (diverse postazioni di mitragliatrice lungo il percorso). Evitando l’itinerario per il Bisbino si svolta a destra verso il cartello. Ora seguendo le indicazioni “Pian dell’Alpe, Alta via dei Monti Lariani, si prosegue per c.a. 30 min fino a ritornare al Rifugio Prabello. Da qui si rientra per l’itinerario di salita.

 

Tempo di percorrenza

Salita: 1 ora e 40 minuti

Dislivello complessivo

450m solo salita

Inizia l’avventura Informazioni utili per affrontare l’escursione proposta

Ti potrebbe interessare…

Ecco altri itinerari vicini a quello scelto