TORNA AL SITO
Per usufruire di tutte le funzionalità del portale aggiorna Internet Explorer alla versione 9.0 o successive oppure scarica Mozilla Firefox o Google Chrome.
Immagina,Scopri Immagina Immagina,Scopri Scopri

Il Sentiero dei Fiori, un cammino nella storia

Il Sentiero dei Fiori, un cammino nella storia della prima guerra bianca.
Un sentiero che si sviluppa dal Passo Castellaccio al Passo Pisgana sul massiccio dell’Adamello. Questo sentiero ricalca esattamente l’alta via che gli Alpini Italiani tracciarono durante la Prima Guerra Mondiale.

Questa escursione si toglie dalla logica di tutti gli altri percorsi presentati in questa guida:
in effetti, per percorrerla in tutta sicurezza, è opportuno farsi accompagnare da una guida alpina.

Per escursionisti esperti è comunque possibile effettuare il percorso senza accompagnatore, purchè muniti di kit da ferrata. Per spezzare il percorso, e la fatica, è possibile pernottare al Rifugio Mandrone.

Per risparmiare la faticosa salita al Passodel Paradiso (2590 slm), si può utilizzare la cabinovia che sale dal Passo del Tonale in pochi minuti. Dal Passo del Paradiso, ci si dirige verso il Passo del Castellaccio (segnavia 44, 3029slm, 2h). Qui, oltre al panorama stupendo su tutte le alpi e sulle valli sottostanti, si possono visitare alcuni appostamenti militari risalenti alla Grande Guerra.

Da questo punto, per proseguire, è indispensabile il kit da ferrata. Il sentiero prosegue per erti canaloni e roccestra piombanti sulla sottostante Val Sozzine, posta oltre 1.500 metri più in basso, fino a Cima Lago Scuro (3165 slm, circa 4hdalla partenza),  nei pressi della quale è la famosa Capanna, un bivacco generalmente chiuso (per informazioni, rivolgersi a Pontedi Legno all’Associazione Amici di Capanna Lago Scuro).

Da Cima Lago Scuro si può tornare sui propri passi, oppure proseguire verso Passo Lago Scuro. A circa 10-15 minuti dalla Capanna, una deviazione sulla sinistra (direzione SE) permette di aggirare in basso Cima Lago Scuro e di raggiungere la Concadi Presena, e quindi il Passo Paradiso, incirca 1h 40’, altrimenti si può proseguirefino a Passo Lago Scuro (2970 slm, 40’ dalla capanna) dove era collocato uno dei più grandi villaggi militari in quota che siano mai stati utilizzati militarmente per l’intero anno sulle Alpi. Dal Passo si può salire a Cima Payer (3088slm, circa 1h), oppure scendere in direzione del Lago Scuro, nei pressi del quale si incrocia il sentiero che sale dal Rifugio Mandrone, raggiungibile in circa 1h 40’ da Passo Lago Scuro.

Dal Rifugio Mandrone, si risale per il sentiero da poco risistemato (2004) dalla SAT fino al Passo del Maroccaro (3034 slm), e da questo, lungo il Ghiacciaio del Presena, si ritorna a Passo Paradiso (circa 4h dalRifugio). Una serie di pannelli informativi, realizzati a cura del Parco dell’Adamello, permette di avere numerose e puntuali indicazioni lungo tutto il percorso.

Immagini
Difficoltà

Escursionista


I rifugi di Lombardia ti propongono:

Trekking
Valle dei Forni
Sentiero glaciologico dei Forni
Trekking
Valtorta
Dal Rifugio Grassi al Pizzo dei tre Signori
Trekking
Lago della Vacca
Dal rifugio Tita Secchi alla cima Listino
Trekking
Lago della Vacca
Dal rifugio Tita Secchi alla cima Terre Fredde