TORNA AL SITO
Per usufruire di tutte le funzionalità del portale aggiorna Internet Explorer alla versione 9.0 o successive oppure scarica Mozilla Firefox o Google Chrome.
Vacanze in quota

A due passi da Bergamo: La Val Taleggio

Aralalta, Baciamorti, Venturosa, Cancervo, sono solo alcune delle mete che si possono visitare in Val Taleggio, famosa soprattutto per il suo delicato formaggio.

Ci troviamo in uno degli angoli più verdi e accoglienti della provincia di Bergamo, a 1000m sul livello del mare. Data la vicinanza alla città si potrebbe pensare di visitare la Val Taleggio in un giorno, ma non è così.

Questa valle offre diversi paesini e borghi nascosti in mezzo alle strette valli, pascoli a non finire e vette per le escursioni che non invidiano il resto delle Alpi Orobie.

Famoso è lo stracchino Taleggio, il prodotto tipico che prende il nome da questa valle. Viene prodotto da tempi antichissimi forse anteriori al X secolo. Risalgono al 1200 d.C. documenti che già facevano riferimento a commerci e scambi di cui era oggetto questo prodotto.

Un’altra peculiarità della Val Taleggio sono le sue baite, segno del passato agro-silvo-pastorale della valle. Tipico di queste costruzioni è il tetto in “pioda” ovvero lastre di pietra al posto delle classiche tegole.

Il resto? Una lussureggiante vallata, ideale per il viaggiatore curioso, che ama un’escursione all’aria aperta, ma anche scoprire le tradizioni e la storia. Ogni località sulla mappa porta con se migliaia di anni di passato, non resta che fermarsi qualche giorno ed entrare in qualche locanda o rifugio per entrare subito a contatto con i locali.

 

Da Pizzino al Rifugio Gherardi

Pizzino è una piccola località della Val Taleggio non lontano da Sottochiesa. L’escursione, adatta a tutti, parte da Quindicina che si raggiunge in auto tramite una strada privata segnalata (pedaggio 3€). Dal parcheggio si imbocca il sentiero indicato con segnavia n.120. Prima nel bosco, tra noccioli e faggi, e poi su ampi pascoli in circa un’ora si raggiunge il rifugio.

L’ambiente è caratterizzato da pascoli ad uso silvo-pastorale. Non è raro incontrare qualche mandria di mucche che pascolano liberamente tra le baite. Pernottando al Rifugio Gherardi si possono organizzare diverse escursioni al Monte Sodadura (2010m) , il Monte Aralalta (2008m) e il Pizzo Baciamorti (2009m).

 

Tempo di percorrenza

1 Ora per rifugio Gherardi.

Dislivello complessivo

370m di dislivello

Difficoltà

Escursionistico

Ti potrebbe interessare…

Ecco altri itinerari vicini a quello scelto